Seleziona una pagina

Pierluigi Pusole

Experiments

Studio d’Arte Raffaelli – via Marchetti 17 - TRENTO

13/05/2010 – 30/09/2010

Dettagli mostra

 

Pierluigi Pusole
Experiments
13/05/2010 – 30/09/2010

Inaugurazione

Galleria

 

studioraffaelli.com
info@studioraffaelli.com
+39 0461 982595

Palazzo Wolkenstein
Via Marchetti, 17 Trento TN
View map

Social

 

Lo Studio d’Arte Raffaelli ha il piacere di annunciare la mostra di Pierluigi Pusole significativamente intitolata “Esperimenti”. Artista consolidato – ha iniziato a esporre nel 1986 e da allora ha partecipato a importanti rassegne collettive imponendosi come una delle voci più originali e mature della nuova pittura italiana – Luigi Pusole presenterà una quindicina di opere, costituite da moduli di due tele (cm 100 x 70).
La sua lunga ricerca pittorica, costantemente impegnata nel confronto dialettico con i nuovi mezzi di produzione di immagini, approda con questo ultimo ciclo pittorico al “dittico” fornendo allo spettatore una duplice visione: da un lato la rappresentazione figurativa del reale, dall’altra la misteriosa quanto astratta dimensione cellulare del bios. Concettualmente, la soluzione del doppio registro stilistico, offre all’artista la possibilità di costruire un linguaggio che procede per antitesi e dunque secondo un processo rigorosamente dialettico, quasi a voler insinuare l’esistenza di un piano del reale “altro”. Come ha scritto acutamente Alberto Fiz: “La sfida di Pusole è iniziata alla metà degli anni Ottanta quando la sua pittura era legata alla sfera contenutistica ed esprimeva la volontà di cogliere i fermenti della realtà giovanile. In quel periodo, Pusole, insieme a Bruno Zanichelli, rappresentava la punta più avanzata del panorama artistico torinese e, non a caso, sono stati proprio loro i capofila di un nuovo linguaggio che prendeva le distanze sia dalle ricerche concettuali, sia dalla Transavanguardia (…) Pusole lavora sul paesaggio metropolitano e sui televisori intesi come corpi magmatici in espansione che vanno ad occupare progressivamente tutto lo spazio: l’avvento della civiltà mediale è ancora percepita come questione di carattere ideologico e, non a caso, alla Biennale di Venezia, nell’ambito di Aperto 90, Pusole presenta una serie di opere appartenenti al ciclo dei Televisori”