Guido Polo

Senza Titolo

Descrizione
Guido Polo studia a Trento dove ha come insegnanti Ratini, Rasmo e Bonazza che gli riscontrano buone qualità e predisposizione al disegno. Il giovane trentino sperimenta già su modelli di grafica decorativa nel gusto di Klimt che, però, nel corso degli anni andrà ad abbandonare prediligendo il segno più sofferto di Egon Schiele, più congeniale a esprimere incertezze umane ormai non più solo individuali. Quando arriva a Vienna per ragioni belliche ha 17 anni e viene sistemato in un convitto per profughi. Le lezioni vengono svolte in italiano, per il disegno vi insegna Luigi Comel di Rovereto, lo stesso che aveva portato avanti presso la Imperial Regia Scuola Elisabettina di Rovereto (istituto superiore con indirizzo di arti applicate accostato al Ginnasio fondato nella seconda metà del XIX secolo a Rovereto, nel periodo asburgico) artisti come Melotti, Depero, Garbari e tanti altri.

350,00

Tecnica mista su carta
13 x 16 cm

Disponibile