Andrew Gilbert

Protest Art

Edizione Thames & Hudson

18 aprile 2024

Dalla lotta anticoloniale alla campagna per il disarmo nucleare, dalle Suffragette al Black Lives Matter, l’arte √® stata a lungo un potente strumento per rovesciare lo status quo. Protest Art analizza la moltitudine di modi in cui arte e politica si sono intrecciate nel XX e XXI secolo, prendendo in considerazione un’ampia gamma di azioni di artisti, tra cui performance e street art, striscioni e media digitali, scultura e pittura.

In nove capitoli tematici, Jessica Lack esplora le relazioni dell’arte con i media, le istituzioni e lo Stato, il suo uso da parte degli attivisti come arma, strumento o modo di immaginare il contrario, e le idee di artisti come guerrieri, profeti e leader rivoluzionari. Lack colloca le principali opere d’arte, campagne e movimenti nel loro contesto sociale e politico, riconoscendo le reti di solidariet√†, ispirazione e cooperazione che rimangono vitali sia per la protesta che per la creazione di opere d’arte. Splendidamente illustrato e accuratamente studiato, Protest Art offre un’introduzione accessibile a questo vasto e indisciplinato campo a partire dall’inizio del XX secolo.

Andrew Gilbert √® incluso in “Protest Art” di Jessica Lack
pubblicato nel 2024 da @thamesandhudson


Immagine: Ritratto di Andrew Gilbert di Roman Maerz, 2007, Berlino. Biglietto d’invito per la mostra personale del 2007
mostra personale del 2007 “Fix Bayonets and Die like British Soldiers Die!” .

“Una guida essenziale su come il potere dell’arte sia stato sfruttato per ottenere cambiamenti politici in tutto il mondo moderno, dalla lotta per il suffragio universale a Black Lives Matter”.

 

FONTI

– Protest Art,Thames & Hudson, https://thamesandhudson.com/protest-art-art-essentials-9780500296684#gallery, 24 maggio 2024