Stefano Cagol

The Bouvet Island

Museo Nazionale Etrusco di Villa Giulia, Roma

20 febbraio - 24 marzo 2024

Il Museo Nazionale Etrusco di Villa Giulia (Roma), per il diciottesimo anno di attività, ospita The Bouvet Island: un allestimento dell’artista Stefano Cagol, a cura di AAC Platform con Camilla Boemio.
La composizione ha come fine il dialogo tra molteplici aspetti: tra linguaggio dell’arte passata e contemporanea, l’estetica e l’etica. Il nome dell’opera richiama un’isola nell’oceano atlantico, che è stata sottoposta ad un misterioso esperimento nucleare, il caso Vela. Cagol, con questa suggestione, vuole far riflettere sulla situazione paradossale della lingua di terra: si tratta di un atollo incontaminato e remoto, ma contemporaneamente vittima di uno dei più misteriosi esperimenti umani.


Bouvet Island unisce più aspetti della filosofia e della ricerca dell’artista, dagli elementi più fisici a quelli con una connotazione strutturale. Cagol, infatti, indaga vari punti come l’energia nucleare, la natura selvaggia e la contrapposizione intrinseca tra questa e il comportamento colonialistico e prepotente dell’uomo.
Questa connotazione viene messa in opposizione con il colore dorato dell’opera. Infatti la tonalità scelta viene associata ad un ambito principalmente spirituale, divino, di luce solare, ma contemporaneamente ad un’idea di forza e ricchezza, approdando così nel mondo del materialismo umano.Questa molteplice visione accompagna lo spettatore verso una lettura universale dell’opera, spaziando dall’atemporale al rapporto uomo-natura, verso un senso di armonia e equilibrio.

FONTI

Stefano Cagol. The Bouvet Island, Itinerari nell’arte, https://www.itinerarinellarte.it/it/mostre/stefano-cagol-the-bouvet-island-8138, 27.02.2024.